La Piccola Masseria

CISTERNINO
E’ situato nel cuore della Puglia su di una collina, in provincia di Brindisi, a 394 m sul livello del mare; si affaccia a sud-ovest sulla splendida Valle d’Itria e a nord-est sulla estesa fascia costiera adriatica da cui dista circa 12 km. Pur essendo una piccola cittadina di circa 12.000 abitanti, che si estende su circa 54 km quadrati, Cisternino è un emergente centro turistico sempre più spesso meta ambita degli amanti dei folclori e del vivere sano e rilassato. Da non perdere, sono la splendida Chiesa Matrice con la Madonna del Carderlino, piazza Vittorio Emanuele con la Torre dell’orologio, cuore palpitante delle serate estive, il suggestivo centro storico, il belvedere sulla Valle d’Itria, il santuario della Madonna d’Ibernia e l’Ashram della Comunità di Bhole Baba, religione di origine indiana che ha trovato in questa terra la fonte del benessere spirituale. Per chi ama la buona cucina, vanno gustate le varie delizie gastronomiche locali come ad esempio le bombette, le orecchiette con le cime di rape, i taralli, la focaccia e cosi via.
www.comune.cisternino.brindisi.it



cisternino

NEI DINTORNI VI SEGNALIAMO (in meno di 30 minuti d’auto):


OSTUNI
Sorge con il suo bianco splendore su tre colli, alle estremità delle Murge a 299 mt. sul livello del mare. Il suo territorio si estende per circa 206 Kmq. dalle ultime propaggini delle Murge al mare Adriatico. La popolazione del Comune di Ostuni è di circa 33.000 abitanti, che si triplicano nel periodo estivo in quanto importante centro turistico conosciuto in tutto il mondo. Le case tinteggiate di calce e la peculiare topografia le hanno fatto meritare epiteti fiabeschi come la Città Bianca, la Regina degli Ulivi e la Città Presepe. Il suo centro storico è un affascinante groviglio di stradine anguste e tortuose, un susseguirsi di corti, piazzette e vicoli che un tempo facevano capo a cinque porte che si aprivano nella città muraria, munite di torri, piombatoi e bertesche.
www.comune.ostuni.br.it

ostuni

FASANO
E’ una città turistica di vasta tradizione agricola e artigiana. L'attuale città di Fasano deriva dal Casale di S.Maria de Fajano, in costruzione nel 1088, ad opera delle popolazioni che avevano abbandonato le rovine di Egnazia. Ultima delle città messapiche ai confini con la Japiga, Egnazia diventa nel periodo romano una delle tappe più importanti della via Appia -Traiana che terminava a Brindisi. Pertanto, da visitare sono il suo parco archeologico nonché il suo museo. Tra le attività di svago che questa città offre vanno menzionate le Terme di Torre Canne, uno dei complessi più attrezzati d’Europa, lo Zoosafari – Fasanolandia che con i suoi 140 ettari è il più grande zoosafari d’Europa nonché il campo da golf San Domenico al confine tra l’ antica città di Egnazia e il porticciolo di Savelletri.
www.comune.fasano.br.it


fasano

MARTINA FRANCA
E’ una elegante cittadina situata a 431 m. di altezza sul livello del mare, adagiata su una delle ultime colline meridionali della Murgia sud-orientale e domina l'incantevole Valle d'Itria, splendida distesa verde biancheggiante di trulli. La maggiore attrattiva della città è senza dubbio costituita dal caratteristico centro storico, splendido esempio di arte barocca con le sue stradine, i suoi bianchi vicoli, i palazzi signorili e le maestose e monumentali chiese. E’ caratterizzata da un variopinto paesaggio punteggiato dalle antiche 'casedde', dai famosi trulli e dalle tipiche costruzioni delle masserie.
www.comune.martina-franca.ta.it

martina franca

LOCOROTONDO
Conosciuto anche dalla gente del posto come “U Curdùnne” , questo grazioso paesino si affaccia sulla Valle d'Itria. Sorge sulla sommità di un colle che cinge gli ultimi contrafforti murgiani del Barese. Armoniosamente tondeggiante come il toponimo stesso suggerisce, Locorotondo deve il suo nome alla morfologia assunta dal primo centro abitato, sorto attorno al mille. Infatti, le prime casupole di un villaggio composto da agricoltori furono edificate su un altopiano attrezzato, addossate le une alle altre, a pianta circolare. Da visitare sono il borgo medievale, la Chiesa della Madonna Della Greca e la Chiesa Madre dedicata a San Giorgio. Infine, non può mancare la visita della Cantina sociale dove viene prodotto il famoso Vino Bianco di Locorotondo DOC.
www.comune.locorotondo.ba.it

locorotondo

ALBEROBELLO
Si erge su due rilievi collinari, anticamente interrotti da un alveo. Sul colle orientale vi è la città nuova con caratteristiche architettoniche moderne mentre sull'altra sommità, disposta ad Occidente, si allineano i 'trulli', in un agglomerato urbano, suddiviso in due rioni: Monti ed Aia Piccola, entrambi Monumento nazionale, patrimonio mondiale riconosciuto dall'UNESCO. Le dimore a trullo sono dominate dall'uso esterno della pietra a sfoglie, le 'chiancole', che rivestono il cono e creano il meraviglioso centro urbano, unico al mondo, che oggi tutti vengono ad ammirare. E' dalle rocce calcaree stratificate che, sin dalla nascita di Alberobello, è stato tratto il materiale per la costruzione e per la copertura dei trulli. La storia di questa singolare cittadina risale alla seconda metà del XVI secolo, quando l’area cominciò a popolarsi di contadini che resero la 'Selva' (così denominata) fertile. I feudatari del posto autorizzavano i coloni a costruire le abitazioni a secco, in modo da poter esser dirute in caso d'ispezione regia, poichè la nascita di un agglomerato urbano esigeva il pagamento del tributo; con l'astuta proposta si evitava tale balzello. Nell'anno 1797 grazie all’intervento e all’ ausilio di re Ferdinando IV di borbone, il piccolo villaggio divenne libero.
www.comune.alberobello.ba.it

alberobello

CASTELLANA GROTTE
Il cuore della terra degli ulivi secolari e del mare azzurro del basso Adriatico custodisce un tesoro, lo spettacolo incantato delle Grotte di Castellana.
Castellana si chiama “Castellana Grotte” dal 1950 in omaggio al meraviglioso mondo sotterraneo scoperto nel 1938 dal Prof. Franco Anelli. Invece, per quanto riguarda la cittadina Castellana le prime tracce documentarie risalgono al 901 ma è probabile che si trattasse di un semplice luogo campestre. Una certa concentrazione di dimore e una popolazione colonica stabile si ha soltanto a partire dalla fine del 1100 come testimoniano i diplomi normanni dei conti di Conversano.
www.comune.castellanagrotte.ba.it

grotte

POLIGNANO A MARE
A picco sul mare Adriatico, su una superficie di circa 63 Kmq e dalla forma geometrica quasi triangolare, sorge una piccola cittadina, chiamata Polignano a Mare ricordata da molti come "la perla dell Adriatico". Dalle antichissime origini, la vecchia Neapolis dista da Bari poco più di 30 Km, verso sud-est. La sua vicinanza al capoluogo pugliese citato, ha fatto sì che il piccolo centro abitato, composto da circa 17.000 abitanti, ha potuto godere nel tempo - e continua tuttora - di una posizione geografica strategica, tanto da potersi ritenere, a tutti gli effetti, uno spiraglio verso l'intero Mediterraneo e in particolar modo verso l'Oriente. Terra di mezzo come fosse un punto di incontro tra il mare e la terra, la città di Polignano a Mare, infatti, è sempre stata crocevia di viandanti dalle diverse culture, che nel corso dei secoli si sono succeduti: Arabi e Bizantini, Spagnoli e Normanni hanno lasciato tracce incancellabili delle proprie presenze. Cittadina che ha dato i natali a un grande personaggio della canzone italiana come “Domenico Modugno” che con la sua famossima “Volare” ha incantato e fatto cantare il modo intero.
www.comune.polignano-a-mare.ba.it

polignano

TARANTO
La luce, i colori, il clima, l'affabilità della gente, la storia, la cultura, la posizione geografica, il mare: sono mille e mille gli elementi che concorrono a fare di Taranto un luogo inimitabile e pieno di fascino. Tra Mare Grande e Mare Piccolo, Taranto perpetua la sua vocazione marinara e il suo epiteto “città dei due mari”. Ma in compenso, oltre la ridottissima cerchia della città vecchia, fatta isola dal canale artificiale sormontato dall'ormai celebre ponte girevole, una città nuova è in progressivo sviluppo ed è ormai la Taranto più rappresentativa della realtà contemporanea. Da visitare sono il millenario Duomo di S. Cataldo, restituito alle sue primitive forme romaniche, l'alta duplice scala barocca e il grandioso portale ogivale di S. Domenico, l’imponente Castello Aragonese affacciato al Canale che per antonomasia sono ancora i simboli della Taranto oleografica.
www.comune.taranto.it

taranto

   
A circa 1 ora d’auto, è possibile visitare “Matera” con i suoi famosi “Sassi”, patrimonio dell’UNESCO, “Castel del Monte” famosa residenza dell’imperatore Federico II, “Otranto” con la sua cattedrale e il mosaico pavimentale dell’albero della vita e “Lecce” capitale del barocco di fama mondiale ed infine “Bari” con la Basilica pontificia di San Nicola e “Trani” con la sua splendida cattedrale romanica.
   




La Piccola Masseria di Vincenza COLUCCI & C. S.a.S. - Via Masseria Piccola, 74 - 72014 CASALINI - Cisternino (BR)
Tel: +39.333.1409166 Cell: +39.347.5187244 - Email: info@lapiccolamasseria.com
msn: lapiccolamasseria@live.it - Skype: lapiccolamasseria - P.IVA/CF: 02105550749

Valid XHTML 1.0 Transitional

CSS Valido!

de en mail it